Con l’invecchiamento l’elasticità dei tessuti si riduce e sul volto e sul collo compaiono degli inestetismi; questi sono dovuti alla discesa verso il basso delle strutture muscolari e dei depositi adiposi e causano la comparsa di nuove rughe e pieghe antiestetiche.
L’intervento chirurgico che mira a sollevare questi tessuti, contrastando l’azione del tempo, è chiamato comunemente col termine anglosassone lifting (in italiano “ritidectomia”).
In base alle necessità estetiche del singolo paziente, si possono usare diversi tipi di lifting (mid-face lifting, MACS-lift, mini-lifting, lifting completo) eventualmente associati ad altre tecniche. La più utilizzata tra le tante, per ottimizzare il risultato estetico, è quella del lipofilling.

A seconda della tecnica utilizzata l’anestesia può essere una locale + sedazione od una anestesia generale.

chirurgia e medicina estetica la viso

E’ buona norma NON assumere Ac. Acetilsalicico (aspirina) a partire da almeno 7 giorni prima dell’intervento per evitare problemi di sanguinamento. Per i fumatori è consigliato astenersi per almeno 4 settimane (due prima e due dopo l’operazione).

Generalmente la dimissione avviene uno o due giorni dall’intervento chirurgico ed è importante quindi che il/la paziente venga accompagnato da una persona che possa prendersene cura nel riaccompagnarla a casa.

I capelli non vengono tagliati ma raccolti. Indipendentemente dalla tecnica scelta, l’incisione è sempre ben nascosta a livello dell’attaccatura dei capelli e dell’orecchio. A seconda delle necessità del singolo paziente, si va a correggere la discesa dei tessuti negli strati del viso più o meno profondi. Inoltre, grazie ad una tecnica innovativa di rimodellamento degli stessi, è possibile ottenere un risultato molto naturale senza avere gli eccessivi effetti di tensione a livello delle palpebre e dell’angolo della bocca. Nel caso in cui guance e zigomi risultino svuotati, l’aggiunta di grasso trattato seconda tecnica di lipofilling permette di ottenere un viso più tonico e più pieno senza distorsioni. Le ferite vengono chiuse con piccoli e leggeri punti di sutura. Il viso viene poi medicato con uno specifico bendaggio. La durata dell’intervento varia da 2 a 4 ore.

I bendaggi vengono rimossi in 3°-4° giornata ed i punti rimossi tra la 5° e la 12°giornata. Le ecchimosi, di norma presenti e facilmente camuffabili, scompaiono di norma entro 15 giorni.

Il dolore non è eccessivo mentre il fastidio maggiore è dovuto al gonfiore dei tessuti (molto importante nei primi due giorni, poi si riduce nelle settimane seguenti). La riduzione della sensibilità della pelle in alcune aree solitamente si risolve nel giro di alcune settimane. Il ritorno ad una normale vita quotidiana senza evidenti segni dell’intervento avviene non prima della terza settimana. Per almeno un mese dopo l’intervento ogni attività sportiva è controindicata.